Google interviene a difesa della privacy dei propri utenti, annunciando la cancellazione nei prossimi mesi sul Play Store di migliaia di app se queste non conformeranno i permessi sottoposti agli utenti alla nuova normativa privacy.

L’azienda di Mountain View ha infatti riscontrato che, in molti casi, le software house richiedano agli utenti il permesso per accedere a funzionalità dello smartphone (come gli sms o il registro chiamate) poco pertinenti alla funzionalità dell’applicazione, avendo così accesso a molte informazioni dell’utente.

Da tale cancellazione selettiva verranno escluse le sole app che prontamente aggiorneranno la propria policy o quelle che dimostreranno l’inerenza dei permessi richiesti al servizio offerto.